Dott. Atonio Criscuolo
Esami strumentali
L’ecocolordoppler è un esame diagnostico non invasivo e indolore che, effettuato e valutato dal medico specialista nel contesto di una visita angiologica accurata, ha un ruolo fondamentale nello studio delle patologie vascolari. L’esame permette di valutare, mediante il posizionamento di una sonda a ultrasuoni sulla cute del paziente in corrispondenza dei vasi da esplorare, il vaso sanguigno nella sua totalità, evidenziando lo stato delle pareti vasali ed eventuali alterazioni del flusso sanguigno. Tali alterazioni possono essere causate dalla formazione di placche ateromasiche, trombi, aneurismi.

L’ecocolordoppler può essere applicato allo studio del sistema circolatorio arterioso e venoso in differenti distretti e consente di monitorare in tempo reale l’evoluzione di una patologia ostruttiva, dilatativa, degenerativa.

ECOCOLORDOPPLER DELLE CAROTIDI E DEI TRONCHI SOVRAORTICI (O DEI VASI EPIAORTICI)

L’afflusso di sangue al cervello avviene attraverso quattro importanti arterie (tronchi sovraortici) rappresentate bilateralmente dalla carotide comune (da cui originano le carotidi interna ed esterna) e dall’arteria vertebrale. L’ecocolordoppler dei vasi epiaortici, eseguito con una sonda dedicata, posta sul collo del paziente, fornisce in modo non invasivo informazioni riguardanti le alterazioni di parete e di flusso delle carotidi e delle arterie vertebrali. Questi vasi sono il settore dell’albero vascolare cerebrale maggiormente interessato dalla malattia aterosclerotica con formazione di placche ateromasiche che possono causare un restringimento del lume vasale (stenosi) con riduzione della quantità di sangue che arriva al cervello, o di placche emboligene che, per la loro composizione, possono frammentarsi in microemboli. La malattia aterosclerotica può decorrere in modo del tutto asintomatico per poi manifestarsi con un grave evento ischemico (TIA, ictus). L’ecocolordoppler è importante perché permette di monitorare progressivamente l’evoluzione della stenosi e, qualora diventasse di grado così elevato da comportare uno scarso afflusso di sangue al cervello, di indirizzare il paziente a un trattamento chirurgico ed endovascolare per ripristinare la pervietà del vaso. L’esame ecocolordoppler è indicato anche in soggetti giovani con fattori di rischio cardiovascolari (ipercolesterolemia, diabete, obesità, ipertensione, fumo, familiarità).

ECOCOLORDOPPLER AORTA ADDOMINALE E ARTERIE ILIACHE

L’ecocolordoppler dell'aorta addominale permette di rilevare e monitorare una dilatazione del vaso (aneurisma) che, nella maggior parte dei casi, è di natura aterosclerotica e decorre in modo asintomatico. Questa patologia è frequente nelle fasce d’età più avanzate e potenzialmente letale se non riconosciuta in tempo. L’ecocolordoppler consente inoltre di monitorare una possibile malattia steno-occlusiva aorto-iliaca su base aterosclerotica.

ECOCOLORDOPPLER ARTERIOSO ARTI INFERIORI

Per le sue caratteristiche di non invasività, elevata accuratezza  e capacità di consentire una diagnosi precoce, l’ecocolordoppler delle arterie degli arti inferiori è l’esame di scelta nei pazienti a rischio di arteriopatia obliterante periferica o con evidenza clinica di malattia vascolare in atto. Può infatti evidenziare sia  la presenza di lesioni steno-ostruttive, definendone la sede e la gravità, che di dilatazioni aneurismatiche, di cui registra le dimensioni e l’eventuale presenza di trombi parietali. In entrambi i casi l’ecocolordoppler si dimostra la metodica diagnostica più adeguata per rispondere alle necessità cliniche di diagnosi, trattamento ( medico, interventistico endovascolare e chirurgico), controllo delle complicanze e follow-up.

ECOCOLOR DOPPLER VENOSO ARTI INFERIORI

È l’indagine diagnostica più idonea per lo studio del sistema venoso profondo degli arti inferiori, in quanto ne consente una valutazione morfologica e funzionale rapida, non invasiva. La metodica, in mani esperte, è in grado di evidenziare un’eventuale trombosi venosa in atto o i suoi esiti. La trombosi venosa profonda è una patologia molto diffusa e spesso misconosciuta, ma con possibili gravi complicanze come l’embolia polmonare. In alcuni casi l’embolia polmonare può essere la prima manifestazione di una malattia tromboembolica. La trombosi venosa profonda non sempre si manifesta con segni clinici evidenti e per tale motivo è necessario l’ausilio di una diagnostica strumentale. In passato a tale scopo veniva utilizzata la flebografia, metodica invasiva e non indolore, che attualmente è stata soppiantata dall’ecocolordoppler, che aggiunge alla non invasività l’accuratezza diagnostica, la molteplicità delle informazioni che fornisce, tanto da essere considerato il test strumentale ideale per lo screening e il monitoraggio della malattia trombo embolica venosa. Nell’esplorazione delle vene superficiali, vena safena, vene perforanti e collaterali, l’ecocolordoppler permette di mettere in evidenza, in modo sicuro, la direzione e la dinamica del flusso del sangue attraverso le valvole, un eventuale reflusso e la funzionalità delle valvole anche con l’ausilio di manovre di compressione-decompressione.

Tale esame è indispensabile per poter valutare e quindi trattare correttamente la patologia varicosa, in quanto permette  di evidenziare un’incontinenza delle valvole, di individuare l’origine del reflusso e seguirne il percorso. Va sempre eseguito prima di scleroterapia e/o chirurgia.

ECOCOLORDOPPLER ARTERIOSO ARTI SUPERIORI

Le arterie degli arti superiori possono essere interessate da varie patologie, differenti tra loro per causa, prevalenza e gravità delle manifestazioni cliniche. Tra queste riveste particolare importanza l’ischemia acuta o cronica, dovuta ad embolia,  aterosclerosi steno-ostruttiva, trauma, compressione estrinseca. L’ecocolordoppler, permettendo di studiare rapidamente e in modo indolore la struttura del vaso sanguigno, la dinamica del flusso e  i rapporti con le strutture anatomiche adiacenti, fornisce informazioni indispensabili per impostare una terapia corretta.

ECOCOLORDOPPLER VENOSO ARTI SUPERIORI

Le principali indicazioni per l’esecuzione dell’ecocolordoppler venoso degli arti superiori sono legate alla diagnostica delle trombosi venose e alla sindrome dello stretto toracico superiore. L’esame viene eseguito in maniera comparativa e simmetrica, bilateralmente in condizioni statiche e dinamiche.